6.6.13

Tanto sono comunque eretica


Dopo un grande interessamento  buddista e molti dubbi impermeabili (tuttora presenti ) sulla macchina Chiesa, ho deciso di semplificarmi la vita e cucirmi addosso una religione che fosse coerente con i miei credo.
Di Dio ce n'è uno solo, (e qua incorro nella prima eresia, piuttosto ariana) qualunque nome vogliate dargli, pregare va bene dovunque (seconda eresia) e fatto da chiunque (terza eresia, moderna), compresi i separati, i  conviventi, i reietti e tutte quelle categorie di persone che non rappresentano il prototipo sociale osannato dall'italia beghina.... perchè per comunicare con Dio basta SAPER AMARE.



Dalle mie parti non ci sono  templi buddisti, giardini zen, Gangi vari in cui purificarsi, sinagoghe ma è pieno di mucche (non sacre), prati e boschi, chiese di tutte le misure e  affascinanti tempietti votivi.
Io  ho deciso che pregherò dove mi sarà comodo.....anche se il mio luogo privilegiato resta   all'ombra dei grandi  alberi.


Comunque ho ricominciato ad andare a Messa  per due motivi:

il primo è la nonna blac-bloc che di vita mondana ha  solo la messa della domenica. Io so che è fierissima di presentare  i suoi  nipotini ricci alla  comunità di cui fa parte da una vita e la messa  è diventato il nostro appuntamento fisso, io lei e i nostri bambini, generazioni che si rincorrono, anche se i Lucignoli possono scegliere liberamente quando e se accompagnarci e pare che si alternino in maniera confusionaria e curiosa.

il secondo è perchè anche io sto acquisendo la percezione di fare parte di una comunità di persone che sta percorrendo una strada simile alla mia, in uno stesso luogo.
Al giorno d'oggi tendiamo a vivere rinchiusi fra quattro mura, rimpiangendo l'infanzia libera nei cortili e nelle strade che abbiamo regalato alle automobili. 
Allora io ne approfitto e mi riprendo gli attimi lenti, di pace interiore, scanditi da musica d'organo, salmi e canti condivisi  per esprimere la gioia di vivere.
E non ho sensi di colpa, anche  se da una vita faccio la comunione senza confessarmi ufficialmente perchè il sapore dell'Ostia mi è sempre piaciuto da quando bambina ne ricevevo un pezzo trafugato dalle mani ossequiose del curato.


Ecco, resto un'eretica sacra, una sconclusionata dogmatica, ma le  domeniche  dei ringraziamenti, dei ceri e dell'incenso, degli affreschi con gli arcangeli, delle storie d'amore dell'Esseno, della vicinanza spirituale di una vecchia nonna scaldano liberamente la mia anima.

17 commenti:

  1. Penso sia giusto che ognuno viva la fede a suo modo,estremamente intimo e personale,senza x forza appartenere a qualche casta,ma nella libertà della propria anima.
    Anche io vado a fasi...ora mi sento bene anche solo se entro in chiesa a pregare sola o mi rifugio in mezzo al traffico con qualche preghiera
    Ciao amica blogger

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante è stare bene con se stessi..
      un bacio cara mammaeco!!!

      Elimina
  2. beh mi sembra di leggere me.. concordo su tutto, a volte sì mi sento un pò in colpa perchè sarebbe più facile essere come tutti, precisi perfetti, ma non sarei naturale e non sarei io, credo!la religione è prima di tutto una cosa interiore! Una volta una "signora" mi ha detto che secondo lei sarei Atea.. ( saprà cosa significa questa parola?) Poi l'ho guardata meglio e mi son detta che son più spirituale io di lei che tutte le domeniche va a messa, principalmente per spettegolare!Buon weekend.. goditi l tua nonna! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si me la sto godendo il più possibile...il tempo ha sempre fretta...
      un abbraccio!

      Elimina
  3. Bella l'idea di cucirsi addosso una religione...io allora sarei un'animista, credo..

    RispondiElimina
  4. Anonimo9:39 AM

    Un po' di errori di grammatica (non hai detto di essere una prof?) ... però concordo sul fatto che la religione è una cosa interiore e quindi va vissuta internamente e non tanto per dimostrare qualcosa agli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. confermo sono una prof. e tu dimmi cortesemente dove sono gli errori ... io non li trovo!

      Elimina
    2. Errori non ne ho trovati nemmeno io... saremo stordite in due! :)

      Elimina
    3. viva gli storditi non-anonimi, anche se gli errori ci stanno nelle mie scritture notturne, dovresti vedere le mail che mando di getto, scrivo una parolona unica lunga 10 righe!!!
      bacio Rache

      Elimina
  5. Ciao! Sono Giorgia... vienimi a trovare nel mio fantastico mondo...
    http://mymagicgraphicworld.blogspot.it/
    A presto! Baci baci! :-* ^__^

    RispondiElimina
  6. In fondo il tuo credo, per alcuni aspetti simile al mio, non contrasta tanto con il tuo andare in Chiesa, un luogo sacro come può esserlo una Moschea o un Tempio buddista. Anche io prego ovunque e fra gli alberi mi sembra così spirituale. Dio è nella natura! Io non credo però in una sola vita ma nel karma e nella reincarnazione. Un discorso lungo ma incredibilmente bello. Ti bacio e, se posso permettermi, un bacino anche alla tua nonna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente anche io e mi sono già portata avanti, so già cosa voglio fare nella prossima!!!
      (hai letto Brian Weiss?)

      Elimina
    2. Cara, allora stiamo andando nella stessa direzione :-). Non ho letto nulla di Brian Weiss ma ricordo che si occupa di ipnosi, argomento che mi interessa moltissimo. Hai qualche titolo in particolare da consigliarmi? Bacino e corro a leggere il nuovo post...

      Elimina
    3. Grazie!! Lo leggerò e ti farò sapere. Non vedo l'ora che arrivi un periodo di vacanza per potermi dedicare a qualche lettura in santa pace, sono alla frutta. Un bacio

      Elimina
  7. Risposte
    1. I'm glad I'm not the only one!!! bacio

      Elimina

adoro i pensieri che seminate nel mio roseto...